Dichiarazione interreligiosa sulla cooperazione Scienza e Religione per la salvaguardia dell’ambiente

Dichiarazione di Torreciudad

Questa dichiarazione è il risultato delle discussioni di lavoro durante il Seminario Internazionale sulla cooperazione tra Scienza e Religione per la salvaguardia ambientale (http://www.issrec.org/), ispirato dall’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco. Al seminario ha partecipato un gruppo di scienziati ambientali, teologi e leader religiosi di grandi tradizioni spirituali. Apriamo questa dichiarazione a tutti coloro che riconoscono la portata dei problemi ambientali e apprezzano la necessità di promuovere una maggiore cooperazione tra le scienze e le grandi tradizioni religiose e spirituali per la soluzione di questi problemi.

1. La stragrande maggioranza delle persone che vivono sul nostro pianeta credono nell’importanza delle tradizioni spirituali e religiose nella loro vita quotidiana. Queste tradizioni costituiscono una fonte importante di ispirazione e una base per i valori morali, così come una visione cosmologica di chi siamo in relazione al Divino, la Terra e gli altri esseri umani. Come indicato nel Laudato si ‘: “Questo dovrebbe stimolare le religioni al dialogo tra di loro per il bene della protezione della natura, la difesa dei poveri, e la costruzione di reti di rispetto e di fratellanza” (§201). In modo simile, altri leader religiosi hanno sottolineato l’importanza della cooperazione tra le grandi tradizioni religiose e spirituali per affrontare i problemi ambientali. Inoltre, diverse dichiarazioni interconfessionali sono state emesse negli ultimi anni, sottolineando che il degrado della natura è un problema morale e spirituale e non solo economico o tecnico. Tra loro ci sono la dichiarazione congiunta del 2002 di Papa Giovanni Paolo II con il patriarca Bartolomeo I, il Manifesto interconfessionale di Uppsala sul cambiamento climatico del 2008, e nel 2015 le dichiarazioni islamica e buddista sul cambiamento climatico. Eppure sono necessarie azioni anche più forti per cambiare i nostri modelli economici e sociali attuali ad un modello più rispettoso dell’ambiente.

2. La scienza gioca un ruolo fondamentale nella comprensione dei problemi ambientali, il monitoraggio delle tendenze, e nel proiettare risultati futuri. Il degrado ambientale è globale, sia in termini di aree e dei soggetti affetti. Il cambiamento climatico, l’acidificazione degli oceani, inquinamento delle acque e dell’aria, la perdita di biodiversità e di habitat, e molti altri problemi devono essere affrontati integrando molte discipline diverse nell’ambito delle scienze naturali, sociali e umanistiche. È necessaria una stretta collaborazione tra i campi disciplinari chiave per ottenere una visione più completa delle sfide ambientali che dobbiamo affrontare, così come le complesse sinergie tra di loro. Come afferma l’Enciclica di Papa Francesco, una “specializzazione conduce ad un certo isolamento e l’assolutizzazione del proprio campo di conoscenza. Questo ci impedisce di affrontare i problemi ambientali in modo efficace “(Laudato si ‘, §201).

3. La scienza da sola non può risolvere la crisi ecologica attuale. Una cooperazione più forte è necessaria con tutti gli attori che influenzano gli atteggiamenti e le decisioni sociali e ambientali, compresi gli organismi politici, organizzazioni non governative, e corporazioni. Le tradizioni religiose e spirituali sono la più antica fonte di valori morali, saggezza e ispirazione. Ci ispirano modi di vivere nella giustizia, pace e armonia. I valori spirituali e culturali ci permettono di evitare il consumo eccessivo, che è un fattore principale del degrado ambientale. Ci hanno motivano a coltivare le virtù e a mostrare compassione verso altri esseri umani, animali e piante, nonché di apprezzare profondamente l’aria, la terra e gli oceani che abitano, nostra Sorella, la Madre Terra. Per queste ragioni, è necessaria una più stretta collaborazione tra scienziati e leader religiosi per promuovere la consapevolezza e azione ambientale.

4. Le comunità religiose e spirituali hanno un ruolo di primo piano in materia di istruzione in tutto il mondo, in particolare dei giovani. Pertanto, è fondamentale che i leader di tutte le fedi e di tutti i livelli comprendano i problemi ambientali che dobbiamo affrontare e sostengano una “conversione ecologica” dai nostri insostenibili stili di vita. I cambiamenti radicali necessari non comportano solo una maggiore attenzione alle problematiche ambientali o una riduzione superficiale dei nostri modelli di consumo. Implicano “un modo distintivo di vedere le cose, un modo di pensare, delle politiche, un programma educativo, uno stile di vita e una spiritualità che insieme generano la resistenza all’assalto del paradigma tecnocratico” (Laudato si ‘, §111). Le istituzioni religiose, come le scuole, le parrocchie, i templi, le moschee, le madrase, le sinagoghe e i monasteri dovrebbero essere più attivamente impegnati in essere custodi responsabili della Terra, invece dei suoi distruttori.

5. La gravità dei problemi ambientali ed il loro andamento costituisce un grave rischio per l’abitabilità del nostro pianeta. Prove scientifiche dimostrano l’ampiezza e la pervasività degli impatti causati dall’intervento umano in molti processi naturali. Noi siamo responsabili del recente cambiamento climatico, a causa del nostro uso intensivo dei combustibili fossili, con effetti potenzialmente catastrofici sui sistemi naturali e della società. Noi stiamo causando massicce estinzioni di specie, molte delle quali sconosciute e per sempre perdute per noi e per i nostri discendenti. Stiamo inquinando l’aria e le acque, disgregando gli ecosistemi, deforestando, distruggendo terreni fertili, e sperperando risorse. Di conseguenza, le persone più vulnerabili, in particolare i poveri, gli emarginati e gli esclusi, stanno già gravemente soffrendo le conseguenze. I problemi ambientali e sociali spesso hanno le stesse radici e dovrebbero essere affrontati simultaneamente: “Le strategie per una soluzione richiedono un approccio integrato alla lotta contro la povertà, restituendo dignità agli esclusi, e allo stesso tempo proteggendo la natura” (Laudato si ‘, §139 ). Noi dipendiamo dai sistemi terrestri per far si che questo pianeta sia la nostra casa per le generazioni presenti e future. Tuttavia, come sottolinea il Papa, “Non è abbastanza … pensare alle specie diverse semplicemente come potenziali “risorse”da sfruttare, mentre non si prende in considerazione il fatto che esse hanno un valore in se stesse. Ogni anno si registra la scomparsa di migliaia di specie animali e vegetali che non conosceremo mai, che i nostri figli non potranno mai vedere, perché sono stati persi per sempre “(Laudato si ‘, § 33).

6. Abbiamo urgente bisogno di invertire le tendenze più pericolose di degrado ambientale. Dobbiamo incoraggiare un nuovo modello di progresso che integri l’ecologia umana e naturale e promuova energie pulite ed economie sostenibili. Abbiamo bisogno di trovare modi creativi di vivere che si concentrino su valori essenziali, invece di condurci al consumismo assurdo (meno è più); abbiamo bisogno di un modo di pensare realistico e pieno di speranza che renda la nostra vita più felice, incoraggiando la cura per gli altri esseri umani e per gli altri esseri viventi e habitat. Abbiamo bisogno che Scienza e Religione lavorino insieme per far si che questo cambiamento necessario accada.

Santuario di Torreciudad, Spagna, 21 giugno, 2016.

Si prega di inserire il nome, l’organizzazione e il paese ad approvare la Dichiarazione

Name(*)

Primary Organization (*)

Country (*)

View list of endorsers